Cos’è il Debate: il metodo didattico che diventa edutainment teatrale

Cos’è il Debate: il metodo didattico che diventa edutainment teatrale

31 Gen 2022 | Debate, Scuola e teatro

Facciamo Debate: pro o contro? Favorevoli o contrari? Esistono gli alieni?

Che cosa accadrebbe se si offrisse a studenti/attori la possibilità di argomentare e di mettere in scena tematiche dai contenuti apparentemente molto distanti ed estremamente polarizzati?

Per scoprirlo e per capire le dinamiche del Debate dobbiamo necessariamente partire dall’origine di questo esperimento.

Nell’Antica Grecia i primi filosofi che iniziavano a utilizzare il sapere come professione introdussero il concetto di retorica, ovvero l’arte di avere ragione nelle discussioni, di persuadere con gli strumenti di parola e oratoria, intesa come l’arte di parlare in pubblico di determinate discipline.

Proprio con l’obiettivo di discutere, confutare e argomentare con dati oggettivi e definiti, detti evidence, nasce il Debate.

cos'è il debate

Il Debate è una metodologia didattica basata sul dibattito regolamentato che consente allo studente di acquisire attivamente competenze trasversali e funziona proprio come una “sfida”.

Infatti prevede due squadre che si sfidano a colpi di sapere, mettendo in gioco tutte le loro capacità argomentative e di retorica per ottenere il punteggio maggiore. Una volta stabilita la mozione, ovvero il tema su cui sarà incentrato tutto il dibattito, alle squadre verrà assegnata la posizione da sostenere e difendere: pro o contro.

Le squadre avranno un’ora di tempo per prepararsi e sviluppare l’argomento curandosi quanto più possibile di delle modalità espositive e dei passaggi logici necessari a sostenere la propria tesi.

Ma come funziona praticamente?

Ogni squadra ha tre speakers e a ognuno di essi spetta un intervento della durata che varia dai quattro agli otto minuti, a seconda dell’età dei partecipanti. Questo intervento non può avere durata inferiore o maggiore, rischio penalità. Al termine dei tre interventi è prevista un’arringa finale eseguita dal primo speaker che dovrà chiudere l’esposizione della propria squadra cercando di essere il più convincente possibile agli occhi della giuria.

Infatti è proprio la giuria composta da tre o cinque giudici, incluso il conduttore del match, che deciderà in base a tre elementi il punteggio da assegnare alla squadra. Questa valuterà il contenuto, lo stile e la strategia. Al fine di ottenere il punteggio più alto sarà necessario fare attenzione a diversi elementi:

  • linguaggio verbale
  • esempi a supporto delle argomentazioni proposte
  • evidenze scientifiche e statistiche
  • enfasi utilizzata durante l’esposizione
  • tono della voce e al linguaggio del corpo.

Di estrema importanza è anche l’organizzazione degli interventi che dovranno seguire il più possibile un percorso logico per evitare di essere confutati dagli avversari.

cos'è il debate

Ma che cosa c’entra il Debate con l’Edutainment teatrale?

Il debate e l’Edutainment teatrale hanno in comune l’intento di introdurre una modalità innovativa e trasversale di arricchimento del sapere e – parlando di Teatro – dell’arricchimento del proprio modo di essere.

Considerando l’importanza di fare Teatro a scuola, questi due concetti non possono che andare a braccetto, arricchendosi a vicenda. Ecco che nasce il Teatro-debate, una formula che trasforma la discussione in rappresentazione e che rafforza e arricchisce i ragionamenti attraverso l’interpretazione di personaggi, parole e sentimenti, creando un effetto di immedesimazione.

Il teatro-debate, nella cornice dell’Edutainment teatrale, si pone l’obiettivo di coinvolgere gli studenti nell’apprendimento della materia attraverso una dinamica esperienziale e performativa, promuovendo la trasmissione di contenuti di qualità e svolgendo funzioni importantissime per lo sviluppo della persona all’interno della società:

  • Sviluppo di un pensiero critico
  • Capacità di ascolto attivo
  • Capacità di lavorare con gli altri e per gli altri
  • Consapevolezza della realtà
  • Consapevolezza del “pensiero dell’altro”
  • Crescita di abilità analitiche, critiche, argomentative e comunicative
  • Promozione di un apprendimento autentico e situato

Il Debate, per concludere, è una palestra per la mente che “costringe” i partecipanti a ricercare, contestualizzare, discutere e comprendere, in un contesto di squadra protetto e giocoso. La possibilità di scegliere di volta in volta l’argomento, inserendolo in un “format” definito, regala a questa dinamica infinite possibilità in termini didattici, di crescita e di formazione.

Approfondimenti utili in download

Fatta dagli insegnanti per gli insegnanti

Il teatro si fa scuola

Per chi insegna, per chi apprende

PERCORSI-SPETTACOLO
COMPAGNIA DELLINEDITO
SOLUZIONI ABBONAMENTO

Le donne di Shakespeare

Le donne di William Shakespeare sono talmente curate, profonde e vere che una tra le innumerevoli leggende legate alla vita di William Shakespeare ipotizza che in realtà il Bardo fosse una donna e che abbia scritto le sue opere sotto pseudonimo. Virginia Woolf invece...

5 consigli per recitare shakespeare

Quello di recitare Shakespeare è il sogno e l’incubo di chiunque faccia teatro. Qualunque regista, attore o attrice abbia mai provato ad avvicinarsi al Bardo, sa che non è per nulla facile mettere in scena le sue opere, proprio per la loro grandezza, bellezza,...

Pentametro giambico: cos’è?

Prima o poi ci siamo posti tutti la domanda: cos'è il pentametro giambico? Se lo avete fatto a voce alta sicuramente avrete notato facce basite o stranite attorno a voi! Ma è davvero così difficile!? Prima di vedere alcuni esempi, esaminiamo ciò che rende il...

Fantasia, immaginazione e creatività

Fantasia, immaginazione e creatività: chiudere gli occhi per un secondo e immaginare un mondo nuovo, un mondo che non esiste, un mondo creato dal nulla. Troviamo grandi esempi di questa creazione nella letteratura italiana, in quella straniera, nella cinematografia,...

Shakespeare e l’italia

Perchè Shakespeare ha ambientato così tante opere in Italia? Tante sono le ipotesi e ognuno potrà scegliere la preferita, anche perché della vita del Bardo di Avon se ne sa ufficialmente davvero poco e tutto quello che si sa con certezza lo raccontiamo attraverso la...

Cos’è il Debate: il metodo didattico che diventa edutainment teatrale

Facciamo Debate: pro o contro? Favorevoli o contrari? Esistono gli alieni? Che cosa accadrebbe se si offrisse a studenti/attori la possibilità di argomentare e di mettere in scena tematiche dai contenuti apparentemente molto distanti ed estremamente polarizzati? Per...

Shoah a scuola: 5 consigli per raccontarla

La Shoah a scuola è un argomento delicato e da trattare con le dovute attenzioni. Narrare un evento così atroce e sconvolgente a ragazzi in giovane età non è un compito facile, ma si può (e si deve) fare. L'importante è identificare e mettere in atto gli approcci...

Teatro a scuola: 7 buoni motivi

Teatro a scuola. Teatro e scuola. Due facce della stessa medaglia, due meravigliosi mondi. Due ambiti complementari che, operando in simbiosi, possono rappresentare un motore di crescita impressionante per i giovani adulti. Il teatro a scuola non è più una novità, è...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello
  • Non ci sono prodotti nel carrello